Pagine

venerdì 9 ottobre 2015

LA TRASFORMAZIONE DELL’EUROPA IN UN METICCIATO DI SCHIAVI



di: Clare Ellis

Non è un caso che centinaia di migliaia di non-Bianchi in “crisi” abbiano inondato le coste, le isole, i centri, e le città d’Europa nel corso degli ultimi anni, con altri milioni il cui arrivo è previsto in un futuro non troppo lontano. Questo afflusso massiccio e continuo di popoli “sventurati” verso l’Europa non è solo parte di una “tendenza di migrazione globale” o una “crisi dei rifugiati globale”. Questi popoli non stanno forzando la loro strada in Europa ad ondate delle dimensioni di città e piccole città solo come risposta alla guerra civile, la persecuzione, la guerra nei loro paesi d’origine, o per il caos e la violenza che ISIS sta diffondendo in tutto il Nord e Nord Est Africa e il Medio Oriente. 


E neanche solo per le conseguenze di interventi militari occidentali mal riusciti nei paesi africani e nel mondo islamico, o di “rimborsi” per la cosiddetta rovina del “progresso” del Terzo Mondo a causa di passate (e presenti) aspirazioni imperiali occidentali e tentativi (neo) coloniali. Né si tratta del trasferimento di popolazioni esclusivamente alla ricerca di uno stile di vita migliore o del possibile capitale economico sulle strade dorate europee.

Se l’Europa avesse forti confini difesi da guardie armate, avesse rigide procedure di ingresso che valutavano attentamente gli aspiranti arrivati, se non si fosse annunciata come il salvatore di tutta l’umanità, se non avesse avuto un programma per la diversificazione completa dell’Europa in un villaggio globale, e non avesse offerto generose dispense e altri aiuti agli stranieri, ci sarebbe forse qualcosa come la “crisi dei rifugiati”?

Nonostante ciò che ha da dire la corrente principale mediatica e persino i mezzi di comunicazione non convenzionali, i maggiori figuranti e leader dell’Unione Europea non hanno lasciate aperte le loro frontiere esterne in risposta alla ‘crisi dei rifugiati’ perché raggirati dal volume del diluvio migrante o per mancanza di spina dorsale su decisioni difficili o perché paralizzati dal ricatto morale dei gruppi per i diritti umani; piuttosto, stanno accogliendo, anzi anche incoraggiando, l’ondata di migrazione di masse del Terzo Mondo. La diversificazione conseguente dell’Europa dallo ‘tsunamigrazione’ gioca proprio nel palmo delle loro mani plasmatrici antieuropee.






Il meticciamento dell’Europa è un esperimento scientifico per finire il “razzismo bianco”

Almeno dagli anni 1920 ci sono stati grandi movimenti di anti-identità etnica europea e ideologi diligentemente al lavoro giorno e notte nel progettare e implementare i loro piani per modificare e cancellare i confini e decostruire le identità etno-culturali europee. Nella prima metà del ventesimo secolo vi furono persone come il molto influente Richard Coudenhove-Kalergi e il suo Movimento paneuropeo e la nozione di Eurafrica, così come attivisti anti-nazionalisti e marxisti culturali; dopo il secondo dopoguerra vi furono cosmopolitisti astratti, nuovi sinistrorsi antirazzisti e sostenitori dell’Eurabia e dell’Eurafrica; e oggi, oltre ai già citati, abbiamo neoconservatori e “antifascisti” del melting pot, come Roger Griffin, un illustre e ben pagato esperto britannico, che ha dichiarato nel suo libro del 2008, A Fascist Century:

Qualsiasi siano le ragioni strutturali del razzismo bianco della Gran Bretagna e il contro-razzismo che esso alimenta nelle sue vittime, tale intolleranza non sarà sradicata fino a quando la maggior parte dei cittadini britannici (di qualsiasi origine) non solo tollererà il meticciamento costante della società britannica, ma lo celebrerà come il laboratorio di nuove interessanti forme di cultura e convivenza umana (131).




 Roger D. Griffin



Il verbo meticciare significa “far diventare misto in razza, composizione, o carattere”, e quindi diventare “di nessun tipo identificabile”. Meticcio è anche sinonimo di “bastardo”, che a sua volta significa anche “una persona cattiva”. Un laboratorio è una stanza “attrezzata per effettuare esperimenti o procedure scientifiche, esp. a fini di ricerca, insegnamento, o di analisi” e può essere intesa in termini di società come “un sito o centro di sviluppo, produzione, o sperimentazione”. Un’ulteriore definizione comprende “designare un animale utilizzato per prove o esperimenti in un laboratorio, come cavia, topo di laboratorio, laboratorio ratto, etc.” ed è strumentale, tale che l’animale è “creato in laboratorio” o “cresciuto in laboratorio”.

In termini di popolo britannico, un britannico meticcio in ambiente di laboratorio socio-ingegnerizzato di una società multirazziale marxista culturale è un individuo sradicato, di razza non identificabile, che, come un topo in un laboratorio, è stato geneticamente allevato e alterato per essere sconsiderato e facilmente manipolabile. 

E Griffin li vuole muti, proprio come animali da laboratorio, così che non possano dire “fermate questa follia! State uccidendo me e il mio popolo!” E questo è applicabile a tutti i popoli europei, poiché tutti i paesi europei stanno subendo un cambiamento radicale per via dell’immigrazione di massa dal Terzo mondo e la sua ideologia di accompagnamento, il multiculturalismo da immigrati.

Un meticciamento scientificamente imposto di un popolo è in realtà una forma di razzismo scientifico e di genocidio. Ma le principali élite europee, come Peter Sutherland, non la pensano così. Questo uomo d’affari internazionale e miliardario irlandese, che è uno dei padri fondatori dell’Organizzazione Mondiale del Commercio ed è stato presidente della Goldman Sachs tra il 1995 e il giugno 2015, ritiene che la demografia e la migrazione siano fondamentali per la necessaria trasformazione delle società europee etnicamente omogenee in stati “aperti” multiculturali (aka multirazziali), costituiti da una massa brulicante di gente da tutto il mondo.
La ragione per cui l’immigrazione non-bianca massiccia verso l’Europa è fondamentale per Sutherland è che si tratta di un progetto umanitario per combattere il ‘razzismo’ bianco e alleviare il dolore e il male della sovranità nazionale europea, che egli equipara al Nazismo.





Migrazione di rimpiazzo e le nostre élite traditrici mangiasoldi



Ma aspetta! Esiste un’altra importante razionalizzazione completamente sconnessa che le élite filano sulle masse, riguardante la massiccia immigrazione extraeuropea sostenuta in Europa: essi affermano che essa compenserà il declino della popolazione legato all’invecchiamento e al basso tasso di fertilità. Ad esempio, le Nazioni Unite hanno offerto un rapporto nel Marzo 2000 che considerava la sostituzione degli Europei da parte degli immigrati non europei come una soluzione praticabile per i loro ‘problemi’ di popolazione:
Concentrandosi su queste due sorprendenti e critiche tendenze di popolazione [invecchiamento e bassa fertilità], il rapporto considera la migrazione di sostituzione per otto paesi a bassa fecondità (Francia, Germania, Italia, Giappone, Repubblica di Corea, Federazione Russa, Regno Unito e Stati Uniti) e due regioni (Europa e l’Unione Europea). La migrazione di rimpiazzo si riferisce alla migrazione internazionale di cui avrebbe bisogno un paese per compensare il calo demografico e l’invecchiamento della popolazione derivante dai bassi tassi di fertilità e di mortalità.





Sì, lasciamo perdere la realizzazione di programmi per incentivare gli Europei ad avere famiglie più numerose; dimentichiamo i canali dell’istruzione e dei mezzi fradici di vetriolo femminista e decostruzione marxista culturale della morale tradizionale, che hanno distrutto l’elemento centrale più importante di tutte le società umane, il matrimonio e la famiglia (la famiglia, che la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani dovrebbe considerare sacra per il benessere e la continuità di tutti i popoli); e   scavalchiamo la definizione di genocidio quando si tratta di cittadini europei, in cui si afferma che il genocidio implica azioni “commesse con l’intenzione di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso” e comprendono: “Infliggere volutamente al gruppo condizioni di vita intese a provocare la sua distruzione fisica, totale o parziale.” Invece, sostituiamo gli Europei con altri popoli che saranno una grande fonte di manodopera a basso costo! L’intero quadro di riferimento di questo pensiero è semplicemente una questione di soldi.
Tuttavia, la crisi dei “rifugiati” sta alimentando tutte le varianti ideologiche del tema antieuropeista: i marxisti culturali, i socialisti, gli antifascisti, gli anti-nazionalisti, i cosmopolitisti, e i neo-conservatori. Tutti vogliono un Nuovo Ordine Mondiale che implichi necessariamente la mescolanza dei popoli europei, l’alterazione della loro genetica, e la riformazione completa delle loro culture in forme irriconoscibili, al punto che ciò che ha reso Europei i popoli europei nel corso della loro profonde e radicate ascendenze (vale a dire i loro tratti etno-culturali distinti) sia sepolto o cancellato sotto l’universalismo insidioso di questi memi e slogan astratti: “uguaglianza”, “umanità”, “unità nella diversità”, “aperte frontiere”, “Progresso”, “benessere per tutti”, e “pace perpetua”.

  


Rifugiati o clandestini?

La BBC riferisce che l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni stima che “almeno 350.000 migranti hanno attraversato le frontiere dell’Unione europea nel periodo gennaio-agosto 2015, rispetto ad appena 280.000 durante tutto il 2014” e questa cifra non comprende tutti coloro che sono arrivati “inosservati”. Tuttavia, secondo l’Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell’Unione europea (Frontex), un conteggio registrato stima il numero dei migranti fino a “Più di 500.000… nei primi otto mesi di quest’anno dopo che il quinto record mensile consecutivo è stato registrato nel mese di agosto, quando 156.000 hanno varcato i confini dell’UE”, e di nuovo, questo non include tutti coloro che non sono stati rilevati. E il 2015 non è ancora finito.

Mentre i canali media controllati spingono costantemente la narrazione secondo cui l’attuale flusso di crisi migratoria in Europa è costituito da “rifugiati” in fuga da guerra e persecuzioni o moralizzano il fatto che una parte minore di loro siano poveri “migranti” in cerca di una vita migliore e meritino di essere coccolati dall’Europa per risposta a uguaglianza!, razzismo!, colonialismo!, restituzione!, i fatti raccontano una storia diversa. Anche se una quantità significativa di questi migranti di crisi sono infatti veri rifugiati in fuga da ISIS e interventi militari a guida occidentale in Nord Africa e in Medio Oriente, e una grande quantità sono Siriani, la stragrande maggioranza di questi popoli sono in realtà migranti economici illegali, in particolare giovani maschi, che chiedono che gli Europei li aiutino finanziariamente a migliorare la loro vita.




 Immigrati appena sbarcati,tutti ben nutriti e muniti di Iphone


Il primo ministro ungherese, Viktor Orbán, ha detto che la “stragrande maggioranza” di questi migranti che inondano l’Europa non sono rifugiati, ma sono migranti economici, e il primo ministro della Slovacchia, Robert Fico, ha detto che solo il 5% sono rifugiati reali. Ian Drury, scrivendo per il Daily Mail, riporta che “L’UE ha registrato 213.000 arrivi nel mese di aprile, maggio e giugno, ma solo 44.000 di loro erano in fuga dalla guerra civile siriana”. Solo un quinto approssimativo degli entrati erano quindi veri rifugiati, il che, secondo David Davies, un conservatore deputato di Monmouth, “smaschera la menzogna spacciata in alcuni ambienti, secondo cui un gran numero di coloro che raggiungono l’Europa provengono dalla Siria”. 

La stragrande maggioranza di Siriani e altri rifugiati in realtà si trovano o si dirigono verso i paesi vicini, in particolare Turchia, Libano e Giordania. In ogni caso, se “il numero di sfollati nel mondo alla fine dello scorso anni era 59,5 milioni” e, così com’è in questo momento, l’86 per cento di questi sono in paesi in via di sviluppo, i paesi europei, negli anni a venire, saranno costretti ad accettare anche la maggior parte di questi popoli?

L’Europa non ha alcun obbligo di introdurre, prendersi cura, e integrare i migranti economici illegali che stanno semplicemente cercando di migliorare la loro sorte a spese dell’Europa stessa. La Convenzione sui Rifugiati del 1951 e altre leggi comunitarie, affermano che l’Europa deve offrire rifugio o altri tipi di protezione a richiedenti asilo che sono legittimamente in fuga da guerre e persecuzioni, ma non ci sono leggi che richiedono all’Europa di assorbire e migliorare quelli che vengono selvaggiamente, distruggendo e sfondando le porte dell’Europa sostenendo che sono i poveri del mondo. In ogni caso, molti di questi clandestini sono apertamente ostili agli Europei. Molti di loro sono autori di violenze, aggressioni, stupri, distruzione, manipolazione, inganno, ostilità, e così via sulle autorità ospitanti e sui cittadini nativi allo stesso modo, mentre i media ufficiali hanno una politica di completo oscuramento quando si tratta di questi fatti.

Questi migranti economici illegali, quando arrivano alla loro destinazione europea prescelta, non hanno intenzione di integrarsi o contribuire alla prosperità economica e alla conservazione dell’Europa come Europa. Piuttosto, essi mirano a vivere in quartieri etnicamente distinti già intagliati dai loro amici e familiari, pretendono varie sistemazioni in base alla loro etnia, di fare soldi, eventualmente sul mercato nero e sicuramente all’interno di reti di occupazione etniche, e quindi inviare le rimesse alle loro famiglie che vivono al di fuori dell’Europa. 
Quando arrivano affermano di “non avere nulla” (che include nessuna istruzione) e così ricevono cibo e alloggio gratis, un telefono cellulare gratuito, tessere turistiche gratuite, corsi di lingua gratuiti, una indennità giornaliera, e la formazione professionale, il tutto a spese dei contribuenti. Nel corso del tempo, molto probabilmente, cercheranno di portare altri membri della famiglia, in particolare le mogli e i figli, e possibilmente genitori e fratelli verso la loro nuova “casa”, con le procedure di ricongiungimento familiare.








Network di trafficanti di uomini, Boats4People, e Welcome to Europe

La maggior parte dei migranti della “crisi” si stanno incanalando attraverso la Libia   arrivando in Europa via mare, cioè Mediterraneo ed Egeo, sbarcando su varie isole e coste di Italia e Grecia, spesso proseguendo nel cuore dell’Europa, in particolare verso la Germania e la Gran Bretagna. Sempre più spesso, a causa dei pericoli del viaggio illegale in mare in gommoni danneggiati, gli immigrati scelgono di viaggiare via terra, vale a dire attraverso la Turchia, in particolare attraverso la sua provincia Edirne, attraversando Bulgaria e Grecia per proseguire in Europa. Né i Paesi del Nord Africa della sponda meridionale del Mediterraneo, né la Turchia, per non parlare dell’Europa, stanno effettivamente ostacolando l’ondata di migranti; non offrono alcuna tattica di prevenzione né rinforzano sensibilmente le pattuglie di frontiera e costiere.

Come può essere che centinaia di migliaia di persone che viaggiano in tutto il Mediterraneo e il Mar Egeo dal Nord Africa e Turchia, oltre che sulla terra, hanno pagato contrabbandieri per un posto su una patetica nave indegna o in un camion senza aria, ma solo una piccola manciata di questi trafficanti di esseri umani è mai stata catturata? Forse una risposta si trova in quei progetti di libera circolazione delle persone come Boats4People, un’organizzazione che è stata istituita nel 1989 per “terminare le morti alle frontiere marittime e per difendere i diritti dei migranti in mare” che coinvolge una coalizione di quattordici organizzazioni, tra cui: FIDH (Federazione Internazionale per i diritti umani), rete euro-africana Migreurop (Migreurop è un progetto Muoversi Senza Confini di EPIM, il Programma Europeo per l’Integrazione e la Migrazione, si può leggere di più qui), Network Africa-Europa-Interact, Network Benvenuti in Europa.

Il sito anti-confini anti-europeo W2EU (Benvenuti in Europa) afferma:
Diamo il benvenuto a tutti i viaggiatori sul loro viaggio difficile e auguriamo a tutti voi buon viaggio – perché la libertà di movimento è un diritto di tutti!

Essi hanno anche una “mappa della resistenza contro il regime dei confini europeo [sic]” transfrontaliera, che è il prodotto di una conferenza del marzo 2012 a Istanbul, in Turchia, che ha coinvolto una sessantina di partecipanti provenienti da “Copenaghen a Bamako   da Tangeri a Uzhgorod” a discutere “le esperienze maturate nei loro progetti e campagne alle frontiere esterne dell’Unione europea”. W2EU ha anche distribuito manuali per aspiranti migranti marini che li aiutano nei loro viaggi e nell’ingresso in Europa, anche quando possono essere detenuti e schedati, e, è stato suggerito, è finanziato da George Soros, il miliardario fondatore della Open Society Foundation, gran maestro socialista, che è noto per il suo odio virulento di qualsiasi nozione di identità europea e autonomia etnica.




La  W2EU che ha distribuito i manuali è una delle tante organizzazioni finanziate e gestite dall'ebreo George soros




L’Unione per il Mediterraneo

Dal 1970, anche se già nel 1920, come ho scritto altrove, le élite europee hanno iniziato gravi progetti (Eurabia e Eurafrica) per quella che sarebbe poi divenuta nota come l’Unione per il Mediterraneo. Eurafrica e Eurabia sono concetti che, in fondo significano che l’Africa e il mondo arabo devono essere (o sono in procinto di diventare) fusi o armonizzati con l’Europa in vari modi, in particolare attraverso l’immigrazione verso l’Europa, una migrazione unidirezionale, e, allo stesso modo soprattutto, attraverso modifiche ai campi culturali, politici, economici, sociali e di esistenza in tutti i paesi interessati, in particolare le nazioni europee. Sia Eurafrica e Eurabia sono incapsulate dall’Unione per il Mediterraneo (UpM). Questa Unione è stata fondata nel 2008 e mira ad aumentare “il potenziale di integrazione regionale e di coesione tra i paesi euro-mediterranei” e “si ispira alla volontà politica comune di rilanciare gli sforzi per trasformare il Mediterraneo in uno spazio di pace, democrazia, cooperazione e prosperità”. Il vero obiettivo è la “convergenza economica e politica verso l’Europa”.

Molto simile a Boats4People, UpM ritiene che il “Mediterraneo è un mare che unisce le persone. Si tratta di una strada per il commercio e gli scambi. Un accesso facile e sicuro ai flussi di merci e persone via terra e via mare, è essenziale per migliorare le relazioni, migliorare il commercio regionale e, di conseguenza, la prosperità e lo sviluppo della regione”. Nel mese di agosto 2015, UpM ha promosso un piano da 5 miliardi di euro in 27 progetti di investimento urbani in 9 paesi del Mediterraneo meridionale e orientale e la Banca Europea per gli Investimenti ha sostenuto che 60 milioni di euro dovrebbero essere investiti per gli sviluppi nella regione in un prossimo futuro.

Ci sono anche piani d’azione e risorse finanziarie connesse alle iniziative europee in materia di migrazione dall’Africa, nonché singole agenzie e organizzazioni che stanno tentando di “aiutare” l’Africa e il mondo musulmano nello “sviluppo”. Un esempio è AGI (African Governance Initiative) di Tony Blair che opera apparentemente “spalla a spalla con i colleghi di governo nelle presidenze e Ministeri africani per aiutarli a trasformare in realtà le loro visioni per lo sviluppo”. Un altro esempio è l’APS, Aiuto Pubblico allo Sviluppo; il 50% dei fondi provenienti da Svezia, Lussemburgo e Paesi Bassi (questi ultimi hanno speso 495 milioni di euro nel 2014 per aiutare i rifugiati), e il 35% dei fondi tedeschi, vanno in Africa.




Il finanziamento europeo per i Migranti e i Rifugiati

Ulteriori fondi europei vengono convogliati nella crisi migranti/rifugiati. Nel mese di aprile 2014, l’Unione europea ha adottato il Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione, che ha rappresentato “un impegno di oltre 3 miliardi di euro per i prossimi sette anni (2014-2020)” e una maggioranza di questo fondo è designato per “migliorare i sistemi di asilo, le modalità di ricezione, e le politiche di integrazione”. Nell’aprile 2015 l’Unione europea “ha triplicato il suo finanziamento” per far fronte alla crisi dei migranti e nel mese di agosto la Commissione europea, “ha approvato 2,4 miliardi di euro ($ 2,6 miliardi) di aiuti nel corso di sei anni per i paesi tra cui Grecia e Italia, che hanno lottato per far fronte a un aumento in numero di immigrati”. Il budget dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNCHR) per Svezia, Italia, Ungheria, e Belgio è 68,1 milioni di dollari, ma proprio il mese scorso, settembre 2015, il vertice di emergenza Ue sulla crisi dei migranti ha deciso di contribuire con “almeno 1 miliardo di euro in freschi finanziamenti UE” a UNCHR e altre agenzie, tra cui il World Food Program e fornire anche il Libano, la Giordania e la Turchia di “maggiori iniezioni di assistenza dell’UE, anche attraverso un aumento sostanziale del fondo fiduciario regionale dell’Unione europea”. La Commissione europea ha anche “proposto di istituire un fondo di emergenza, a partire da 1,8 miliardi di euro, per affrontare le crisi nel Nord e Nord Est Africa”.

Anche se tanto aiuto finanziario è versato in paesi africani e musulmani dall’Europa per lo sviluppo e per affrontare la crisi migranti/rifugiati, ben poco ha fatto, se non altro, per migliorare la situazione. La Turchia non darà ai suoi rifugiati siriani permessi di lavoro o di nazionalità, ma Numan Kurtulmus, il vice primo ministro turco, riesce ad implicare che gli Europei dovrebbero farlo. Anche in questo caso, non distinguendo tra rifugiati e migranti irregolari, ha affermato che “Se le nazioni europee impegnate ad accettare qualsiasi numero di rifugiati che attualmente cercano di andare ad ovest dalla Turchia… Ankara fornirebbe aerei per farli volare al loro nuovo paese ospitante” anche se ha “accolto con favore un’iniziativa dell’Unione europea che possa assegnare fino a 1 miliardo di euro (1,14 miliardi di dollari) per aiutare Ankara nei suoi sforzi umanitari”. E la Libia ha minacciato azioni militari qualora l’Europa utilizzasse il suo esercito nel tentativo di fermare la colonizzazione.








I numeri della popolazione migrante e l’annientamento dei gruppi etnici europei

I costi per i governi europei nel trattare con la crisi del flusso di migranti comprendono la fornitura di “assistenza sanitaria, istruzione, alloggio e altre prestazioni sociali”. Questa non è una situazione temporanea. La narrazione dei media controllati è che “Nel lungo termine, gli immigrati potrebbero essere assorbiti nel mondo del lavoro e, infine, aumentare la domanda dei consumatori, guidando la crescita economica”. Ma è chiaro che questa crisi dei migranti, insieme a una massiccia immigrazione, ha e continuerà ad avere effetti a lungo termine di deterioramento sui servizi pubblici, come l’istruzione, la sanità e le infrastrutture, nonché alloggi e ambiente. Anche le tensioni sociali tra gruppi etnici sono già in ebollizione e l’economia sta soffrendo. Nell’UE-28 Eurostat stima per luglio 2015 che più di 23 milioni di uomini e donne erano disoccupati, pari a circa il 4,5% della età lavorativa della popolazione di 508 milioni. Il tasso di disoccupazione in Grecia e in Italia, entrambi i quali ricevono il peso iniziale della “crisi” di migranti, nel marzo 2015, è stato rispettivamente del 25,6% (circa 1,2 milioni) e 12,4% (circa 3,1 milioni). In Germania, Francia e Regno Unito, i tassi di disoccupazione sono rispettivamente il 6,5%, 10,5% e 5,4%. In questi ultimi tre paesi da soli ci sono circa 7,5 milioni di disoccupati.

Il Regno Unito, con una popolazione di 64 milioni e una estensione di 243,610 km2 ha avuto un tasso migratorio netto di un enorme 318.000 nel 2014. Dalla fine del secolo, il saldo migratorio del Regno Unito è stato oscillante tra 150.000 a oltre 300.000 persone l’anno e la massa di immigrati non sono lavoratori stagionali o temporanei, ma sono lì per rimanere e stabilirsi. I nuovi immigrati possono ricevere servizi pubblici quali la sanità e l’istruzione, e dopo cinque anni di residenza gli immigrati extracomunitari possono ricevere benefici, come indennità di chi cerca lavoro , assegno di invalidità, crediti d’imposta, e indennità di alloggio. La situazione è analoga per la Germania, la Francia, l’Austria e altri paesi dell’Europa occidentale. Ad esempio, la Germania, con una popolazione di 80.620.000 e una estensione di 357.168 km2, ha avuto un tasso migratorio netto di 549.998 nel 2012. Se questo numero è più o meno lo stesso per il 2015 e la Germania si aspetta di ricevere circa 800.000 o più richiedenti asilo dalla fine del 2015, allora questo significa che la Germania avrebbe un saldo migratorio di circa 1,3 milioni o più, cosa che è storicamente senza precedenti.

Da nessuna parte troviamo una discussione ufficiale sui costi per i nativi, per le culture, gli stili di vita, le cittadine, i villaggi, le città, e le tradizioni degli Europei a causa di questa crisi di afflusso di migranti, che non siano la condanna di chi solleva questioni e rifiuta di piegarsi al moralismo eurocratico sulla questione. La invasiva crisi migrante è solo un aspetto di una serie di sviluppi interconnessi che stanno irrevocabilmente alterando le culture dell’Europa e includono: la sostituzione demografica attraverso l’immigrazione di massa dal Terzo mondo, il finanziamento internazionale non governativo e il supporto per la cancellazione dei confini dell’Europa, progetti di Stato a lungo termine per la completa integrazione dell’Europa con l’Africa e il Medio Oriente, e progetti palesemente anti-bianchi di ingegneria sociale volti a trasformare i paesi europei in Stati meticci.

È chiaro che i popoli europei non sono più autorizzati a identificarsi positivamente come Bianchi e i paesi europei non sono più autorizzati a rimanere Bianchi nella loro costituzione.








Hanno cominciato a distruggerci inniettando nelle nostre società il virus catto-judaico durante l'impero romano, lo stesso che ne causo la repentina caduta, e ci hanno fatto rigettare con la forza le nostre antiche tradizioni pagane e filosofiche tacciandole di satanismo; l'antica sapienza che proveniva dall'antica iperborea atlantidea che ci è stata sottratta con l'inganno, e di cui noi siamo i  suoi ultimi discendenti; adesso dopo averci distrutto a livello morale e fisico mirano a depredarci della nostra stessa anima, ma il loro percorso distruttivo sta arrivando al termine, e quando serreremo le fila non avremo nessuna pietà ne dei nemici ne dei vili traditori dentro le nostre mura, l'uomo nuovo  sta rinascendo, è un uomo più forte di prima, più consapevole e più forte di quanto sia mai stato, perchè la natura non permette all'antinatura di distruggerla e ad un certo punto crea le contromisure automaticamente, e la natura è Dio.
Un uomo nuovo sta rinascendo e calpestera la bestia,e questa volta non permettera mai più che essa si rialzi.





Fonte 

2 commenti:

  1. Guarda anche questo racconto archeologico, è fortissimo!
    http://tomatobubble.com/wonderfulrace2.html
    It's a Wonderful Race!

    Part 2 By James Bronson.

    Back To Part 1

    RispondiElimina
  2. Guarda anche questo racconto archeologico, è fortissimo!
    http://tomatobubble.com/wonderfulrace2.html
    It's a Wonderful Race!

    Part 2 By James Bronson.

    Back To Part 1

    RispondiElimina