Pagine

giovedì 15 gennaio 2015

La rivoluzione "Francese" è stata una enorme truffa












"Due sono le prerogative del principe:
battere moneta e 
disporre del monopolio della forza armata."

Macchiavelli




La Rivoluzione detta “francese”, fu un colpo di Stato ad opera dei club massonici (Jacobins)  finanziati dai banchieri,  tra gli altri  Laborde de Méréville, Boscary, Dufresnoy , sostenuto dal partito del Duca d'Orléans, Gran Maestro del Grande Oriente di Francia e sostenuto dall’ Inghilterra tramite l’ordine  cavalleresco Saint-Georges ... L’obbiettivo era ribaltare tutto, distruggere le tradizionali  Istituzioni  del Paese (monarchia, religione) per sostituirle con un ordine “nuovo” , un Francese nuovo: il "cittadino".


Alla fine: l'Inghilterra ci guadagnò; la Francia   arretrò senza possibilità di recupero.
Questi furono i risultati. Parlare oggi di «rivolta del popolo»,  è  raccontare una grande burla smentita dai  dati storici.  

Considerandosi “patrioti', i rivoltosi sinceri (non parliamo degli istigatori pagati …) non sapevano di essere manipolati dalla massoneria (Grande Oriente di Francia del Duca di Orléans  e massoneria inglese) .


Filippo di Orléans, ritratto da Jean-Baptiste Santerre



I  "rivoluzionari" hanno dato l’esempio di un disprezzo inaudito per l’idea stessa di rappresentatività: "I 749 membri della Convenzione furono  eletti in un  tale clima di terrore organizzato, che le astensioni raggiunsero  il 90% ...  tenendo conto  delle modalità di censo elettorale e del diniego di  diritto al voto per le donne,  questa Assemblea rappresentava meno del 3% di questo popolo " (Jacques Heers, Un homme un vote?, Editions du Rocher, Monaco 2007, p. 208-209).

Nel 1789,  i capitalisti e gli speculatori di Parigi come Kornmann, Claviere e altri, consigliati dai banchieri  Laborde e Dufresnoy, membri dei Trenta, giocavano al ribasso e sovvenzionavano la sommossa. I Finanziatori più ricchi  fornirono il denaro necessario per pagare le truppe rivoluzionarie. .

Nel suo "Louis XVI o la fine di un mondo" (1955, reed. La Table ronde, Paris 1981, p. 304), Bernard Faÿ racconta il ruolo giocato dalla borsa alla vigilia della Rivoluzione: “ da  buoni 'patrioti', i finanziatori  della capitale, a giugno 1789,  non smettevano ancora di fare abbassare la borsa ... Mentre altri “patrioti” corrompevano i soldati" (B. Faÿ, Louis XVI o la fine di un mondo, ibid., p. 305).

"La Rivoluzione viene considerata oltre-Manica il mezzo migliore per abbattere definitivamente le pretese marittime  della monarchia francese”  (p. 283.)  ... Disorganizzata, scoraggiata, disgregata, in preda alla sovversione, la Marina doveva, a febbraio 1793, misurarsi  nuovamente con la Royal Navy. ... Nel  momento in cui  la Francia doveva affrontare  la fase decisiva di ciò che potrebbe essere chiamato la 'seconda guerra dei cent'anni', la Rivoluzione sconquassa l'unica risorsa che le  avrebbe potuto  consentire di colpire la coalizione anti-francese..." (p. 291)

"Ciò che la Francia perde, lo guadagna l’Inghilterra. Più ancora sul piano commerciale che su ogni altro piano.
L’ Inghilterra  è la grande beneficiaria della Rivoluzione e delle sue conseguenze.  Essa sa, sin dall’inizio del grande sconvolgimento, della fortuna che le si offre e, giacché ha da riprendersi la rivincita contro la Francia che ha aiutato l'America ad affrancarsi, non le dispiace vedere lo sconquassamento della monarchia.
 
Jean Duplessis-Bertaux,Presa del Palazzo delle Tuileries il 10 agosto 1792

"sin dal 1788, i massoni, con sempre sulla bocca l’argomento dell’ ordine e della centralizzazione, sono la colonna vertebrale del partito nazionale, di quel partito di cui Lafayette è il dio e che si nutre delle idee politiche inglesi e americane dopo avere succhiato  il latte dall'Encyclopedie."

"Così la massoneria dirige tutto ed ecco, persino dal punto di vista dei rivoluzionari il cattivo lato delle cose: poiché la massoneria è approdata dall’Inghilterra  e poiché le logge francesi sono rimaste a stretto contatto con le logge madri oltre mare e  che, inoltre , le logge di rito scozzese,...  si ricollegano sempre più alla Grande Loggia di Londra, una sotterranea influenza inglese, una oscura pressione si esercita nella Francia alla quale si aggiunge l’anglomania imperante da cinquanta, sessant’anni.
L'opposizione segreta della Massoneria  alla monarchia secolare  si trova così sotterraneamente fomentata dall'Inghilterra; mentre l’ Inghilterra, vinta nella guerra di Indipendenza Americana , si rifà, acquisendo vantaggi  per terra e per mare.
Grave questione su cui meditare per un patriota, ma i patrioti dell’epoca non pensano a tutto questo: vanno avanti con la testa tra le nuvole.

La vera rivoluzione francese, quella che segnerà tutto il secolo da venire , è un fatto finanziario prima che politico : al primato del sangue,  che caratterizzava l'impostazione dell’ Ancien Régime, succede il primato dei soldi. Alla nobiltà succede la borghesia affarista.  I notabili subentrano ai nobili.




Lo stesso Marat si interroga : “Che ci guadagneremo nel distruggere l’aristocrazia dei nobili, se essa viene rimpiazzata dall’aristocrazia dei ricchi?”.

Un Samuel Bernard, persino un John Law potevano  pretendere gli onori solo nella misura in cui si piegavano alle regole stabilite, nobilitandosi ed entrando nel sistema di regole. Il re, ad ogni buon conto, arbitrava la mischia.
Ora si tratta dell’ esplosione del capitalismo. Da secondo ordine , passa al primo rango. Più nessuna autorità, ormai, sarà in grado di fargli da contrappeso. I diritti di nascita non potranno nulla contro quelli della finanza.

"Gli industriali e i finanzieri non guardano se le anime si perdono , ma guardano se gli affari si fanno” (Antoine Blanc de Saint - Bonnet, la legittimità, Tournai, Casterman, 1873, p. 83)"

 

Il denaro è ormai un valore supremo.
E’ la nascita del Denaro-Re al posto del Cristo-Re.

 

 

 

Amschel Mayer Rothschild

 

 

 

L'ebreo

Amschel Mayer Rothschild


Amschel Mayer Rothschild, banchiere ebreo tedesco della dinastia finanziaria Rothschild (rinominato dagli ebrei dell'Europa orientale come "il pio Rothschild") nel 1773 riunì 12 influenti banchieri per presentare un piano, in 25 punti, per "dominare le ricchezze, le risorse naturali e la forza lavoro di tutto il mondo". 
Egli svelò "come la Rivoluzione Inglese (1640-60) fosse stata organizzata e mise in risalto gli errori commessi: il periodo rivoluzionario era stato troppo lungo, l'eliminazione dei reazionari non era stata eseguita con sufficienta rapidità e spietatezza e il programmato "regno del terrore", col quale si doveva ottenere la rapida sottomissione delle masse, non era stato messo in pratica in modo efficace. (stesso "regno del terrore" poi usato nella rivoluzione comunista,in cui vennero assasinati con la scusa di essere oppositori della rivoluzione,tutti coloro che avevano capito la verità e chi era a tirare i fili dietro le quinte NDR).
Malgrado questi errori, i banchieri, che avevano istigato la rivoluzione, avevano stabilito il loro controllo sull'economia e sul debito pubblico inglese". Rothschild mostrò che questi risultati finanziari non erano da paragonare a quelli che si potevano ottenere con la Rivoluzione Francese, a condizione che i 12 presenti si unissero per mettere in pratica il piano rivoluzionario che egli aveva studiato.

Questi 25 punti sono:
1. Usare la violenza e il terrorismo, piuttosto che le discussioni accademiche.
2. Predicare il "Liberalismo" per usurpare il potere politico.
3. Avviare la lotta di classe.
4. I politici devono essere astuti e ingannevoli, qualsiasi codice morale lascia un politico vulnerabile.
5. Smantellare le esistenti forze dell'ordine e i regolamenti. Ricostruzione di tutte le istituzioni esistenti.
6. Rimanere invisibili fino al momento in cui si è acquisita una forza tale che nessun'altra forza o astuzia può più minarla.
7. Usare la Psicologia di massa per controllare le folle. "Senza il dispotismo assoluto non si può governare in modo efficiente."
8. Sostenere l'uso di liquori, droga, corruzione morale e ogni forma di vizio, utilizzati sistematicamente da "agenti" per corrompere la gioventù.
9. Impadronirsi delle proprietà con ogni mezzo per assicurarsi sottomissione e sovranità.
10. Fomentare le guerre e controllare le conferenze di pace in modo che nessuno dei combattenti guadagni territorio, mettendo loro in uno stato di debito ulteriore e quindi in nostro potere.
11. Scegliere i candidati alle cariche pubbliche tra chi sarà "servile e obbediente ai nostri comandi, in modo da poter essere facilmente utilizzabile come pedina nel nostro gioco".
12. Utilizzare la stampa per la propaganda al fine di controllare tutti i punti di uscita di informazioni al pubblico, pur rimanendo nell'ombra, liberi da colpa.
13. Far si che le masse credano di essere state preda di criminali. Quindi ripristinare l'ordine e apparire come salvatori.
14. Creare panico finanziario. La fame viene usata per controllare e soggiogare le masse.
15. Infiltrare la massoneria per sfruttare le logge del Grande Oriente come mantello alla vera natura del loro lavoro nella filantropia. Diffondere la loro ideologia ateo-materialista tra i "goyim" (i gentili,non ebrei).
16. Quando batte l'ora dell'incoronamento per il nostro signore sovrano del Mondo intero, la loro influenza bandirà tutto ciò che potrebbe ostacolare la sua strada.
17. Uso sistematico di inganno, frasi altisonanti e slogan popolari. "Il contrario di quanto è stato promesso si può fare sempre dopo...Questo è senza conseguenze".
18. Un Regno del Terrore è il modo più economico per portare rapidamente sottomissione.
19. Mascherarsi da politici, consulenti finanziari ed economici per svolgere il nostro mandato con la diplomazia e senza timore di esporre "il potere segreto dietro gli affari nazionali e internazionali."
20. L'obiettivo è il supremo governo mondiale. Sarà necessario stabilire grandi monopoli, quindi, anche la più grande fortuna dei Goyim dipenderà da noi a tal punto che essi andranno a fondo insieme al credito dei dei loro governi il giorno dopo la grande bancarotta politica.
21. Usa la guerra economica. Derubare i "Goyim" delle loro proprietà terriere e delle industrie con una combinazione di alte tasse e concorrenza sleale.
22. Fai si che il "Goyim" distrugga ognuno degli altri; così nel mondo sarà lasciato solo il proletariato, con pochi milionari devoti alla nostra causa e polizia e soldati sufficienti per proteggere i loro interessi.
23. Chiamatelo il Nuovo Ordine. Nominate un Dittatore.
24. Istupidire, confondere e corrompere i membri più giovani della società, insegnando loro teorie e principi che sappiamo essere falsi.

25. Piegare le leggi nazionali e internazionali all'interno di una contraddizione che innanzi tutto maschera la legge e dopo la nasconde del tutto. Sostituire l'arbitrato alla legge


Non a caso,nella banconota americana da 1 dollaro,vi è raffigurata la piramide con l'occhio che tutto vede,simbolismo che questa elite judea usa per i propri fini;
alla base della piramide si legge in numeri romani l'anno 1776,molti americani credono che sia l'anno dell'indipendenza dell'America dagli inglesi,ma invece è l'anno di fondazione degli illuminati di Baviera,creati dall'ebreo Adam Weishaupt,che è solo una delle tante obbedienze che vengono usate per i fini del dominio mondiale.
Pochi anni dopo la fondazione di questa congrega,le massonerie europee vennero assoggettate a un ordine superiore,sconosciuto anche alla maggioranza dei massoni che stavano alla base,e da li a poco successero sconvolgimenti e rivoluzioni innestate e finanziate da questa elite,che portarono alla caduta delle monarchie non allineate ai loro voleri,sostituite da una democrazia ingannevole e dal dominio del denaro sulla vita delle masse.
Il loro sigillo non è stato messo a caso sulla banconota americana,esso indica che prenderanno il dominio del mondo tramite il denaro, creato dal nulla (senza riserva aurea,solo stampando carta straccia), dalle loro banche centrali come la BCE,che poi lo prestano agli stati indebitandoli all'infinito e assoggettandoli alla loro volontà.
Ancora non a caso è stata scelta proprio la banconota americana a recare il sigillo,
infatti gli scambi commerciali internazionali sono effetuati usando come valuta mondiale proprio il dollaro,anche il petrolio è scambiato in dollari,fino ad adesso.
La rivoluzione Francese,fu l'inizio di questa fase,e segnò l'inizo del dominio del denaro sul mondo intero.Proprio come quanto scritto nei protocolli dei savi di sion.

Nessun commento:

Posta un commento