Pagine

venerdì 17 ottobre 2014

Un parassita sta divorando l'uomo e la terra dal suo interno










Un parassita sta divorando l'uomo e la terra dal suo interno,inducendo le masse ad autodistruggersi inseguendo finte libertà o illusioni che ci porteranno nel baratro totale.Questo cancro in fase terminale,è l'elite globalista judea,che insieme alle sue cellule canceroggene,i loro servi,presto distrugeranno ogni cosa del nostro mondo,infettando tutto il copro,e lo farano con il beneplacido delle masse ipnotizzate e sottomesse.Questo discorso rende chiaro in quale stato di follia vive il mondo,e chi sono i responsabbili che ne favoriscono e propagano tale orrore.Un discorso che tutti dovrebbero sentire.



Discorso Eccezionale di David Icke-sub Ita  



18 commenti:

  1. Dico una cosa : non sono ottimista sulla fine del mondo , come dice jovanotti bisogna pensare positivo per creare una realtà positiva , ma se il Male regna su questaa terra ci sono delle ragioni ‘’metafisiche ‘’ che noi non conosciamo , e se questi poteri dovessero andare in crisi , forse sanno la ‘’scappatoia ‘’ per ritornare a galla , il male ha una sua funzione , ma se noi , l’umanità , non fa la sua parte , cioè azione di rifiuto , questo sopravvive , anche al lavacro di una crisi , di un cataclisma , che potrebbe essere intesa anche come una punizione di chi ha ceduto al male , , qui invece abbiamo una situazione , ma accetto smentite , di un umanità che ha alzato bandiera bianca , e che fa il masochista ,, pensando di essere vittima ,di un fato cieco e beffardo , che accetta supinamente di subire e fa la guardia ai propri simili . Icke potrebbe essere piu visto come un peso che un valido contributo , dipende dal punto di vista , ma non mi convince per un motivo , perché consentirgli di pubblicare i suoi libri su larga scala ? Era nel partito dei verdi poi , puf , che differenza c’è con uno che è stato folgorato sulla via di damasco ?
    I potenti hanno già i bunker e la loro arca –sotto la Norvegia . Il mondo è sempre stato un grosso sacrificio ,alcuni vengono fatti nei riti altri nelle carneficine delle guerre , lo facevano i maya , lo facevano gli arabi , una altare e un animale o un umano sopra- preferibilmente puro innocente - diceva Nietzsche nel suo Anticristo che il sacrificio è il motore della storia , siamo cibo per qualcuno e le religioni sono servite a plagiare le genti a contrapporle , a dargli leggi per controllarle . a partire almeno da una certa era con i culti patriarcali del Dio Padre , i popoli guerrieri e nomadi . In un film horror non ricordo il titolo di qualche tempo fa si vedeva nel film con Bradley Cooper Prossima fermata: L'inferno (The Midnight Meat Train) .
    La città di Abramo era Ur , il nome viene da BHrama e dalle popolazione della valle dell’ Indo che migrarono , in Genesi (30- 12 ) dice al re di Ierar di aver sposato la sua sorellastra .
    Le scorribande dell’ Isis hanno fatto conoscere- tra i perseguitati di questi terroristi ci sono pure gli zoroastriani ecc…- gli yazidi , una tribù di curdi che adora esplicitamente l’angelo caduto . Dovremo accedere ad un diverso stadio dell’ mesistenza , ma come lo faremo ?

    Mark

    RispondiElimina
  2. Scusa se sono ripetitivo ,ritorno sull’ argomento , secondo me – ma mi auguro che non sia così – ma Lovecraft voleva dirci qualcosa , forse avvertirci – se vedi le fotografie di Guenon e Lovecraft si nota una vaga somiglianza , ma questa è una mia suggestione - il Necronomicon riempie l’ immaginario commerciale , Alien di Ridley Scott – con la cabalista Sigourney Weaver – gli Iron Maiden ecc….. Nella fiction truce Games of Thrones fanno la comparsa ad un certo punto due culti monoteistici , uno è quello della donna rossa con il motto dei valdesi che viene invertito ex tenebris ex lux e che pare una presa in giro del dio cristiano , l’altro del Greyjoi copiato da Lovecraft .
    R'hllor, detto anche "il signore della luce", è un dio proveniente da Essos, che ha pochi seguaci in Westeros, nonostante il suo culto si stia diffondendo.
    La religione, si basa su una visione bipolare del mondo: secondo questa religione, il destino del mondo è conteso tra due divinità, ovvero R'hillor, il bene, signore della luce e della vita, e la sua antitesi,il signore del buio, il male, la morte, le tenebre. Sempre secondo questo culto, lo scontro finirà quando Azor Ahai, una figura simile ad un messia, resusciterà ed affronterà il male grazie alla Portatrice di Luce, una spada magica che recupererà dal nostro mondo. I sacerdoti di questa religione sono detti "preti rossi" per via dei loro mantelli porpora. Si ritiene che R'hllor a volte risponda alle preghiere dei suoi seguaci con la concessione di visioni e capacità come la resurrezione dei morti. ome gli altri tipi di magia, la magia di R'hllor si indebolì dopo la fine dei draghi, ma con il loro ritorno, le capacità dei sacerdoti R'hllor si sono rafforzati.
    Il culto del Dio Abissale è un monoteismo diffuso solo nelle Isole di Ferro, resistito all'invasione degli Andali, poco sentita in queste isole.
    Come gli stessi abitanti delle Isole di Ferro, il Dio Abissale è un dio duro e, spesso, crudele. Il culto di un Dio Marino rappresenta, appunto, l'importanza della vita marittima e piratesca di queste isole. Si dice che questa divinità abbia creato il mondo con stupri e conquiste, anche qui rispecchiando le tradizioni delle Isole di Ferro e, soprattutto, la vecchia regola che faceva sì che gli abitanti delle isole fossero guerrieri e pirati, lasciando lavorare come contadini e minatori gli schiavi. Il male è definito "Dio della Tempesta", un dio che risiede all'interno delle nuvole portando il vento ed, appunto, le tempeste; i corvi sono suoi messaggeri. Si dice che queste due divinità siano nate per combattersi e, quando si incontrano, si fanno guerra, provocando maremoti, fulmini ed onde. Si dice che tutti i devoti al Dio Abissale, in caso di annegamento, saranno accolti nel palazzo del Dio Abissale da sirene dedite ad esaudire i loro desideri e piaceri. Il battesimo è un rito che servirebbe ad impregnare il corpo del neonato di sale e consacrarlo al Dio Abissale. Il neonato, viene immerso in acqua salata fino a farlo "morire", facendogli perdere i sensi. Poi, il neonato viene risvegliato con pratiche cardiache ed unto da un sacerdote che deve pronunciare le parole: " Sacerdote: "Lasciate che il tuo servo nasca di nuovo dal mare, come lo siamo stati, benedicilo con sale, benedicilo con la pietra, benedicilo con l'acciaio» Risposta: "ciò che è morto non può mai morire. libriepassioni.blogspot.com/2012/11/religioni-dei-sette-regni.html
    Mark

    RispondiElimina
  3. questo discorso di montesano direi che è proprio centrato!
    https://www.youtube.com/watch?v=ejqN7-6E4GA
    D.P.

    RispondiElimina
  4. Grande Enrico ! Un po di tempo fa me lo ricordo a spendersi per quel cialtrone di Alemanno , un vero peccato per un attore della sua intelligenza e della sua sensibilità . Come lui sono scettico . E riporto questo dai commenti che mi pare calzante : ''Ci sono persone che studiano "algoritmi economici" e di "controllo psicologico indiretto" impressionanti e incomprensibili a noi per far si che il sistema giri a regime in una certa maniera a favore di chi sta ai piani superiori, e allo stesso tempo che tutte le operazioni di controllo sulla massa siano invisibili. Anche l'ingresso del mercato straniero, vedi quello cinese, fa parte del programma di manipolazione.Ci sono persone che studiano "algoritmi economici" e di "controllo psicologico indiretto" impressionanti e incomprensibili a noi per far si che il sistema giri a regime in una certa maniera a favore di chi sta ai piani superiori, e allo stesso tempo che tutte le operazioni di controllo sulla massa siano invisibili. Anche l'ingresso del mercato straniero, vedi quello cinese, fa parte del programma di manipolazione.Qualcuno sta bene, molti non sono ne ricchi ne poveri, altri ricchi sfondati e poi ci sono le persone che sopravvivono. Insomma, chi è benestante non scenderà mai in piazza a protestare, gli altri che sono nella via di mezzo tra ricchezza e povertà si accontentano, i veri poveri sono tanti ma comunque in minoranza. In teoria il 70 % della popolazione può essere considerata povera in confronto ai politici e ai governatori. Ma la situazione è troppo confusa, intricata e ben congegnata per essere compresa dalla gente che non riesce a percepire il vero volto dello stato e dei manovratori dei capitali .Certi ne sono consapevoli ma rimangono indifferenti o accettano di adattarsi al gioco perchè sanno che gli conviene. Noi non eleggiamo chi ci governa per aiutarci. Eleggiamo i dittatori. I " buoni dittatori" che guadagnano in media 100 volte quello che prendiamo noi. Bhe solo questo dovrebbe essere la prova dello schiavismo. La proporzione di guadagno. Ma oggi come oggi chi è povero (ma non a livelli estremi) se la cava in un modo o nell'altro. Un tempo si moriva. Questo dovrebbe far capire tutto no? '' Ma in questo dissento , nel senso che siamo sotto ''eutanasia controllata'' , proprio l'altro giorno molti imprenditori si sono uccisi , ma i media non ne parlano .

    Mark

    RispondiElimina
  5. La Russia salverà la Siria ? Commento preso dal video Leggi antirevisioniste in Russia prof. Quarantotto : '' non so fino a che punto l'opinione secondo cui le manifestazioni, violente o pacifiche, di indipendentismo nell'ambito delle varie realtà etniche della Russia siano manipolazioni mondialiste volte a compromettere l'unità politica dell'Eurasia, perché occorre considerare che molto è da imputare all'autoritarismo testardo e opprimente della politica sciovinista russa, che tende, anzi ha sempre teso fin dai tempi dell'URSS, alla russificazione dei popoli non-russi dell'area caucasica e dell'Europa Orientale. I Ceceni e i Tatari non sono popoli inventati e immaginari come i Padani, ma autentiche realtà che affiorano radici nella storia molto prima della nascita della Russia come entità politica unitaria e imperiale. Le loro rivendicazioni sono fondate, e i Russi si sono macchiati anche di gravi soprusi nei confronti dei popoli restii ad accettare la russificazione. I bombardamenti sui civili in Cecenia sono soltanto un esempio.

    Per quanto concerne la questione degli Ebrei Russi, il fatto che non siano sionisti è poco probabile (le frange più estreme del sionismo politico hanno un grande seguito nella realtà ebraica russa) e, nel caso fosse vero, non significa nulla, perché nemmeno Trotsky e Kaganovich, per ovvie ragioni storiche, erano sionisti, ma ciò non toglie nulla al fatto che siano stati due fautori di quella che fu un progetto sovversivo di immensa portata elaborato da ambienti legati al Suprematismo Ebraico, che è sempre esistito ed è un fenomeno antecedente al Sionismo. Il Suprematismo Ebraico, al contrario di quanto affermato da Galloni, è diffusissimo in Europa Orientale e soprattutto in Russia, non a caso il radicalismo Haredim e il movimento di Lubavitch nacquero proprio in Russia.

    Mondialismo = Stati Uniti? Non è vero per niente. Gli Stati Uniti sono un importante braccio armato del Mondialismo ma ridurre quest'ultimo alla sola egemonia geopolitica statunitense è superficiale e fallace.

    Le leggi antirevisioniste sono volte a tranquillizzare le realtà ebraiche in Russia? E quindi? Sarebbe una giustificazione valida? Anche in Occidente queste leggi sono volte a tranquillizzare le stesse realtà, ma il fatto che un paese debba "tranquillizzare" una realtà etnica assolutamente minoritaria tramite leggi liberticide non è un fatto positivo, è negativo, ed è indicativo dell'asservimento di questo paese nei confronti di queste "realtà". Putin è un leader conservatore che vuole fare gli interessi russi, cioè gli interessi delle oligarchie, le stesse oligarchie legate a doppio filo con la finanza apolide, non è un rivoluzionario con un progetto messianico di salvezza dell'Umanità. Il Prof. La Grassa è stato molto chiaro su questo punto e rimando a quello che ha affermato nelle sue dirette con l'Accademia.''

    Mark

    RispondiElimina
  6. Perfino Costantino fu educato in Gran Bretagna e molto probabilmente studiò il Kolbrin. La stessa parola Brit (Great BRITain - n.d.t.) non deriva dall'inglese ma dall'ebraico, e significa Alleanza. Gli inglesi si consideravano il popolo dell'Alleanza, in quanto collegati alle dieci tribù perdute dopo la conquista assira della Giudea nel 8° secolo aC. La parola 'sassoni' indica i figli di Giacobbe.
    Le dieci tribù perdute non sarebbero mai del tutto scomparse. Il Kolbrin potrebbe essere chiamato la Bibbia Perduta delle dieci tribù perdute. Durante la conquista dei babilonesi del 600 aC Geremia il profeta fuggì in Etiopia e poi in Gran Bretagna, dove fu sepolto. Attualmente la sua tomba si trova in Irlanda. Portò con se la figlia del re Sedechia della casa di Davide, illustre antenato di Gesù. Ecco perché S.Anna, nonna di Gesù, era nata in Bretagna. Ecco perché i sopravvissuti dopo la crocifissione migrarono in Francia ed in Inghilterra (Glastonbury) dopo la morte di Gesù.Il Kolbrin contiene gli insegnamenti morali che erano ritenuti fondamentali nella società. Ma è anche il più antico libro di storia britannica. E' il solo documento giudaico/cristiano che narri tutta la storia della creazione umana, e nel suo racconto comprende anche le persone che si trovavano sulla terra da prima della venuta di Adamo ed Eva, alle quali allude la Sacra Bibbia. Il termine 'angeli caduti' presente nel libro della Genesi non si riferisce ad esseri spirituali ma ad altri uomini che sposarono le figlie di Adamo ed Eva, procreando dei figli.Costoro si autodefinivano i Figli di Dio (v. correlati). La metafora degli Angeli Caduti si riferisce al fatto che dopo avere raggiunto alti livelli spirituali, la loro civiltà fosse diventata sempre più malvagia, conducendoli ad un cataclisma. Paragrafo 4
    Si dice che quando il Doomshape appare nei cieli, la terra si spacchi dal calore come una noce al fuoco. Poi le fiamme schizzano in superficie e saltano come demoni su sangue nero. L'umidità viene prosciugata, campi e pascoli ​​consumati dalle fiamme e gli alberi diventano ceneri bianche.
    Paragrafo 4
    Quando il sangue scorrerà sulla terra il Distruttore apparirà e le montagne si apriranno ed erutteranno fuoco e cenere. Gli alberi saranno distrutti e tutte le cose viventi inghiottite da acque bollenti.

    http://www.anticorpi.info/2014/09/kolbrin-la-bibbia-parallela-che.html

    Mark

    RispondiElimina
  7. Questi piani sottili sono una realtà, la nostra realtà. Sono le dimensioni sulle quali esistiamo, ma anche le dimensioni sulle quali costruiamo, per lo più senza saperlo. Infatti, la nostra attività, sia essa istintiva, emozionale o psichica, ha effetti durevoli sulle dimensioni sottili…Attraverso il ripetersi di un desiderio, di un sentimento o di un pensiero possiamo addirittura dar vita a un’entità energetica autonoma e autoconservatrice. Una tale entità sottile nasce da un’attività ripetitiva, a prescindere dalla natura della medesima (istintiva, emozionale o mentale), è quella che chiamiamo golem. Mentre il centro energetico del cuore deve generalmente infondere il desiderio di elevazione, le egregore situate sul piano emozionale cercano, al contrario, di abbassare la persona e di renderla passiva. La potenza di un’egregora dipende dalla somma di energia dei membri che l’hanno prodotta. Possiamo pertanto facilmente comprendere che un’egregora religiosa, data la quantità di energia che è in grado di accumulare giornalmente, dispone di una potenza d’azione occulta considerevole. Queste egregore possono produrre guarigioni spettacolari, dei «miracoli» che dal punto di vista energetico o occulto si possono perfettamente spiegareQuando sono collettivi (creati da un gruppo di persone), i golem diventano egregore. La potenza d’azione occulta di queste egregore dipende dalla qualità e dalla quantità d’energia loro trasferita. Integrando simboli incomprensibili o mal compresi, questo genere di rituale pone la persona sotto un dominio occulto, a tutti i piani del suo essere. Queste creature energetiche autonome diventano voraciOltre agli assassinii rituali, i riti di sangue sono praticati apertamente e regolarmente dall’ebraismo e dall’Islam: il macello rituale kasher o hallal e l’aid («festa» dell’agnello) ne sono esempi noti.
    Nonostante il massimo sfruttamento di tutte le fonti energetiche di cui può disporre, l’egregora permane insaziabile e aumenta regolarmente la pressione sugli esseri ai quali sottrae l’energia. Molti cercano quindi di sottrarsi al suo dominio, cosa tuttavia assai difficile. tasso d’interesse può essere esorbitante. Il patto è di tipo mafioso e pochi riescono a sottrarvisi. Siamo tutti legati alle egregore che dominano nell’aldilà, e questo per il fatto di partecipare inconsciamente a ogni sorta di rituale: mediatici, politici (votazioni, ecc.), economici (lavoro, consumo ecc.), sociali, familiari, scolastici, amministrativi e così via. Dalla nascita alla morte, siamo sotto il controllo totale delle egregore. Al vertice della gerarchia delle egregore troneggiano potenze che la tradizione gnostica ha tenuto a lungo segrete, divulgandone l’esistenza soltanto in seno a scuole misteriche per non attirare i fulmini delle autorità religiose. Sono queste potenze egregoriche supreme, chiamate Eoni Queste potenze titaniche sono, come le egregore, delle potenze auto-conservatrici che mantengono l’umanità sotto il loro dominio incitandola all’egocentrismo. Dato che traggono il loro nutrimento soltanto dall’attività egocentrica dell’umanità (intellettuale, emotiva, sessuale…), spingono con qualsiasi mezzo gli uomini verso la via dell’egocentrismo.
    Nella nostra epoca, che è quella dell’Era Nera, gli eoni hanno acquisito una tale potenza che, anche se tutta l’umanità mettesse fine alle sue attività egocentriche, potrebbero fare a meno di nutrimento per secoli prima di scomparire. In tal caso sarebbero portate a divorare la gerarchia delle egregore intermedie, come una madre che si nutrisse dei suoi figli Questo dominio non lascia all’uomo alcuna possibilità di operare un cambiamento radicale del suo

    RispondiElimina
  8. orientamento spirituale ma, al contrario, lo fa sprofondare ogni giorno di più nell’egocentrismo e nel materialismo Questi esseri che ci governano sono i dodici principi dell’aldilà, e sono l’oscuro riflesso emanato dall’umanità decaduta. Gli eoni hanno messo a punto un sistema di sfruttamento e di imprigionamento dell’umanità basato sulla vampirizzazione dell’energia degli umani e delle forze della natura. Tale sistema, in cui l’energia sottratta sale da un livello gerarchico all’altro fino a giungere agli eoni, è contrario alle leggi naturali in virtù delle quali l’energia deve scendere (è la madre che nutre il figlio per renderlo autonomo, e non il contrario) Ma chi conosce la vera natura di questo mondo illusorio, che è sia di ordine fisico che di ordine sottile, sa che né le egregore né gli eoni sono dei veri dèi. Insieme, essi formano quell’entità onnipotente che le religioni chiamano il «Buon Dio», Geova o Allah, ma in cui gli gnostici vedono il Demiurgo. mediante strutture e gerarchie principalmente religiose e occulte, avvalendosi di diverse imitazioni sottili del cammino liberatore ma essenzialmente prive di qualsiasi idea liberatrice. Essi perpetuano in tal modo il loro dominio parassitario dirigendo l’aspirazione delle masse verso i loro scopi terreni o dell’aldilà. Questo mondo deve rimanere così com’è: è questo il loro scopo Don Juan: «Una spiegazione c’è ed è la più semplice che si possa immaginare. I predatori hanno preso il sopravvento perché siamo il loro cibo, la loro fonte di sostentamento. Ecco perché ci spremono senza pietà. Proprio come noi alleviamo i polli nelle stie…» Come inconsapevoli schiavi ci identifichiamo nei nostri predatori e riproponiamo i loro nefandi comportamenti con la natura in generale inquinando, disboscando, distruggendo e «sfruttiamo noi stessi senza ritegno i nostri animali: li mungiamo, li tosiamo, prendiamo loro le uova e poi li macelliamo o li rendiamo in diversi modi sottomessi e mansueti. Li leghiamo, li mettiamo in gabbia, tagliamo loro le ali, le corna, gli artigli ed i becchi, li ammaestriamo rendendoli dipendenti e gli togliamo poco a poco l’aggressività e l’istinto naturale per la libertà » Don Juan: «Non c’è nulla che tu e io possiamo fare se non esercitare l’autodisciplina fino a renderci inaccessibili. Ma pensi forse di poter convincere i tuoi simili ad affrontare tali rigori? La disciplina e la sobrietà sono qualità della consapevolezza che rendono la patina di splendore dell’uovo luminoso sgradevole al gusto dei VOLADORES. Ogni volta che si interrompe il dialogo interiore e si entra nel silenzio interiore si affatica la mente del predatore in modo così insostenibile che l’Installazione Estranea fugge. LA TENSEGRITA’ è l’eredità dei Passi Magici che gli antichi stregoni ci hanno lasciato. Attraverso moltissime sequenze di movimenti possiamo attingere alle energie dell’universo e invocare la forza dell’Intento in noi. Questo ci ridona forza, sobrietà, salute e determinazione. E di tutto questo abbiamo un gran bisogno, perché c’è da lottare più che mai con le proprie risorse e
    HTTP://ORDINEAMMONIO.BLOGSPOT.HU/
    Mark

    RispondiElimina
  9. perfettamente daccordo mark sull'ultimo post, il problema è che per realizzare tutto questo è necessaria una forza di volontà uno sforzo una lucidità di intenti una costanza una attenzione una capacità di autoosservazione e un'umiltà di un livello non comune, dietro ogni angolo dietro ogni emozione negativa c'è un tranello, la vita di tutti i giorni, la mentalità comune, la propria pigrizia mentale e fisica sono i veri nemici, c'è bisogno di un tale coraggio in questa lotta che per raggiungere un risultato significativo e duraturo si deve assolutamente essere convinti che perseguire quella strada è necessario tanto quanto l'acqua che beviamo e l'aria che respiriamo, e ad ogni errore e caduta ci si deve rialzare e ricominciare imparando dai propri errori. non dimenticandosi mai che più ci si avvicina al risveglio e a togliersi di dosso i voladores gli attacchi diventano sempre più forti e frequenti. spesso ci si trova impreparati perchè il livello è così subdolo da sembrare quasi impossibile. propongo la visione del film che si trova su marenectaris che si intitola l'avversario ed inoltre "l'arte della difesa iperdimensionale" articolo che si trova sul sito hearthware. il tempo è nostro nemico bisogna fare presto e bene.

    jj

    RispondiElimina
  10. Londra connection


    Faccio un altro accenno sul Nazismo , nell’ottica di una storia metafisica che trascende i confini dello studio storico e che è perciò è difficile da capire e fatto di trame fitte perché fatto da intervento che non si rendono riconoscibili e che occultano le loro tracce ,
    Dovremmo ragionare con cognizione sapere certi fatti che non sappiamo e che ci appaiono sconnessi possedere strumenti che non abbiamo .Gli interrogativi restano , ho gia detto degli amichevoli rapporti tra Inghilterra e nazisti , secondo giorgio galli il ruolo di Crowley non puo ridursi a quello di agente provocatore che citava ub libro di Marco Pasi Crowley e le tentazioni della politica , nel nazismo erano presenti due linee una filo inglese e una prussiana , Karl Haushofer le univa tutte e due,e una lettera scrittagli da Claudio Mutti che riteneva faziosi Pauwels e bergier e inattendibile Rauschnig ma poi diceva che nella Golden Dawn l’apporto ebraico era notevole_ Jhon Druit Montague era ebreo , i Bergson erano ebrei , la madre di Albrecht Haushofer era originaria di un antica famiglia patrizia ebraica .(Galli Hitler e la cultura occulta ) Faccio solo notare a proposito che è sorto un movimento para- nazista in Grecia che si chiama Alba Dorata , mentre in Ucraina assistiamo ad uno sttrano connubbio tra focolai nazisti mai spenti dai tempi di Bandera con i partiti svoboda e pravi sector e i sionisti , che non si puo solo liquidare con uno sfruttamento del ‘’marchio ‘’ in chiave anti- sovietica. Sappiamo del nazismo in usa , : Lindenbergh , Ku KLuux Klan ecc…… Sappiamo di Himmler e della Ahneherbe . Secondo Serge Hutin la Golden Dawn inglese era in contatto con societa antroposofiche tedesche , secondo dean henderson la thule è il risultato dell’unione dei Rosacroce di Lytton e la loggia teosofica che operò in india da dove fu ripresa la svastica come simbolo nazista
    Edward Bulwer Lytton (1803-1873). Nobile inglese che praticava con successo sia la politica che l'occultismo. A soli 28 anni Bulwer Lytton era entrato in parlamento tra i deputati liberali; più tardi sarebbe diventato ministro coloniale britannico e in tale veste sarebbe stato coinvolto nella campagna di imposizione dell'Oppio ai Cinesi (dal 1842 in poi). Nel 1842 redasse il Trattato (di pace) di Nanchino che chiudeva la prima guerra dell'Oppio e affidava il controllo di Hong Kong alla Gran Bretagna, imponendo inoltre alla Cina di risarcire gli Inglesi con 21 milioni di dollari in argento. Lytton fu Gran Patrono della Societas Rosicruciana in Anglia (- SRIA - la stessa che aveva accolto Francis Bacon e John Dee), nonché Gran Maestro della Massoneria di Rito Scozzese. Fu un caro amico dello scrittore Charles Dickens e del primo ministro britannico Benjamin Disraeli che lo mise a capo dei Servizi Segreti. Sembra che tra i suoi agenti annoverasse Helena Petrovna Blavatsky, la nobildonna di origine ucraina che nel 1873 fondò a Krotona (California) l'arcinota Società Teosofica. Nel 1834 Lytton pubblicò il famoso romanzo Gli ultimi giorni di Pompei; nel 1835 scrisse Rienzi, personaggio che affascinerà Hitler attraverso l'omonima opera di Wagner; Nel frattempo erano uscite le sue opere ispirate all'occultismo: Zanoni (1849), Una strana storia (1862), Maghi e magia (1865) e, a seguire (1871), La razza ventura. Qui ipotizzò l'esistenza di un'energia omni-permanente chiamata Vrill, similare in qualche modo all'energia del vuoto quantico, ma con caratteri di tipo vitale, perché ogni essere avrebbe potuto entrarvi in contatto e sviluppare super-poteri. Lytton e Alphonse Louis Constant furono i veri ispiratori della Golden Dawn di Londra e delle sue consociate in Germania, la Società Thule e la Società

    RispondiElimina
  11. Società Vril (Vril Gesellschaft, detta Loggia Luminosa). La Golden Dawn fu fondata nel 1888 da tre massoni e confratelli della SRIA: William Robert Woodman, William Wynn Westcott e Samuel Liddell MacGregor Mathers. Mathers aveva conosciuto Madame Blavatsky, così come aveva fatto il Gran Maestro del tempio londinese dell'Ordine, il poeta William Butler Yeats, che si sarebbe poi aggiudicato il premio Nobel. Tra i segnali segreti della Golden Dawn c'era il saluto a braccio levato che i nazisti avrebbero accompagnato al grido di "Heil Hitler".". La gerarchia dell'Ordine prevedeva 3 gradi:

    1. Superiori Incogniti (ne avrebbe parlato spesso Hitler, affermando più volte di operare secondo i loro dettami);

    2. Ordine della Rosa Rossa e della Croce D'Oro;

    3. Apprendisti della Golden Dawn.
    La società venne presto trascinata alla deriva da Aleister Crowley, allievo rinnegato di Mathers che sosteneva di trovarsi in contatto con un'entità metapsichica chiamata Aiwass. Il carisma di Crowley fu tale da consentirgli di aggirare le procedure di iniziazione e di autoproclamarsi Magus, ovvero adepto del livello più alto. Sotto Crowley la Golden Dawn non sembrò far caso alle sottili differenze tra scuola esoterica e setta satanica, dando sfogo alle perversioni violente già evidenti nella Paris Fin de Siecle. Diffcile stabilire quanto queste perversioni fossero presenti nel pensiero originario di Nodier, Eliphas Levi e Bulwer Lytton, forse del tutto o forse per niente.
    Del resto l'Inghilterra meridionale resterà a lungo un polo di attrazione per gli appassionati di occultismo, fino ai giorni nostri e soprattutto nella zona di Avebury, con la sua topografia 'sissimile al suolo marziano di Cydonia, i suoi geoglifi e le frequenti apparizioni di Crop Circles.
    Da "Il Mattino dei Maghi" di Louis Pauwels e Jacques Bergier :’’ Il nome di Arthur Machen [...] è famigliare a [poche] persone Alcuni mesi commesso in una libreria, poi insegnante, si accorse di essere incapace di guadagnarsi la vita nella società. Si mise a scrivere, in una condizione di indigenza estrema e di stanchezza totale. I suoi primi racconti fantastici furono pubblicati nel 1895. Sono The Great God Pan e The Immost Light. Egli afferma che il Gran Pan non è morto e che le forze del male, nel senso magico del termine, non cessano di attendere alcuni di noi per farli passare dall'altro lato del mondo. Nello stesso tono pubblicò l'anno seguente La Polvere Bianca, che è la sua opera più possente con The Secret Glory, il suo capolavoro scritto a sessant'anni. Egli è ignorato, vive nella miseria e il suo cuore è affranto. Nel 1943 (aveva ottant'anni), Bernard Shaw, Max Beerbohn, T.S. Eliot, fornirono un comitato per tentare di raccogliere fondi che gli permettessero di non finire in un asilo per indigenti Questa società, a cui Machen deve una determinata esperienza intima e il meglio della sua ispirazione, è sconosciuta persino agli specialisti. Infine, certi testi di Machen, e specialmente quello che vi faremo leggere, chiariscono in modo definitivo un concetto poco comune del Male, assolutamente indispensabile per capire gli aspetti della storia contemporanea che studiamo in quest[o] [...] libro. [...]Nelle lettere di Arthur Machen a Paul-Jean Toulet si trovano questi due singolari passi:

    Nel 1899:

    RispondiElimina
  12. "Quando scrissi Pan e la Polvere Bianca non credevo che così strani fatti fossero mai capitati nella vita reale, o anche che fossero mai stati possibili. Ma, inseguito, e molto di recente, ho avuto nella mia stessa esistenza della esperienze che hanno completamente cambiato il mio punto di vista su questo argomento... Sono ormai convinto che non c'è niente di impossibile sulla terra. Ho appena bisogno di aggiungere, suppongo, che nessuna delle esperienze che ho fatto ha rapporti con imposture quali lo spiritualismo o la teosofia. Ma credo che noi viviamo in un mondo di gran mistero, di cose insospettate e del tutto stupefacenti."

    Nel 1900:

    "Una cosa che vi può divertire: Ho mandato The Great God Pan ad un adepto, un occultista d'avanguardia che ho incontrato sub rosa! e mi scrive: 'Il libro dimostra ampiamente che, con il pensiero e la meditazione, piuttosto che con la lettura, voi avete raggiunto un certo grado di iniziazione indipendente dagli ordini e dalle organizzazioni'.

    [...] In un'altra lettera, dopo il soggiorno di Toulet a Londra, Machen scrive: "Il signor Waite, a cui siete molto piaciuto, desidera che vi mandi i suoi saluti". [Evidentemente Waite e Toulet si erano appena incontrati durante suddetto soggiorno]. [...] Waite fu uno dei migliori storici dell'alchimia e uno specialista dell'ordine della Rosa+Croce. [...] [I]n Inghilterra, alla fine del secolo XIX e all'inizio del XX, [esisteva] una società segreta iniziatica che s'ispirava alla Rosa+Croce. Quella società si chiamava Golden Dawn. Era composta di alcuni dei più brillanti ingegni d'Inghilterra. Arthur Machen fu uno degli adepti . I suoi capi erano Woodman, Mathers e Wynn Westcott (l'"iniziato" di cui Machen parlava a Toulet nella sua lettera del 1900). Essa era in relazione con analoghe società tedesche, alcuni membri delle quali [...][entrarono anche] nel famoso movimento antopomorfo di Rudolph Steiner e in altri influenti movimenti del periodo prenazista. In seguito doveva avere come capo Aleister Crowley, [...] una delle più grandi menti del neo-paganesimo [...].
    Mathers fu sostituito alla direzione della Golden Dawn dal celebre poeta Yeats, che più tardi doveva ricevere il premio Nobel.
    Yeats assunse il nome di Fra Diavolo è Deus Inversus. Presiedeva le sedute in kilt scozzese, con una maschera nera e con un pugnale d'oro alla cintura.

    Arthur Machen aveva assunto il nome di Filius Aquarti. Anche una donna era affiliata alla Golden Dawn: Florence Farr, direttrice di teatro e amica intima di Bernard Shaw. Ne facevano parte anche gli scrittori Blackwood, Stoker, l'autore di Dracula, e Sax Rohmer, e così Peck, astronomo reale di Scozia, il celebre ingegnere Allan Bennett e sir Gerald Kelly, presidente della Royal Academy.
    Secondo le loro stesse ammissioni, la loro visione del mondo fu cambiata e le pratiche a cui si diedero non cessarono di apparire loro efficaci ed esaltanti.

    [...] Ecco il testo, è l'introduzione ad una novella intitolata The White People. , figura in una raccolta pubblicata dopo la morte di Machen: Tales of Horror and the Supernatural (Richard's Press, Londra) : ‘’ Ambrogio disse: «La stregoneria e la santità, ecco le sole realtà».

    E continuò: «La magia si giustifica attraverso i suoi figli: essi mangiano croste di pane e bevono acqua con un piacere più intenso di quello degli epicurei».

    «Intendete parlare dei santi?»

    «Sì. E anche dei peccatori. Credo che voi cadiate nell'errore frequente di coloro che limitano il mondo spirituale alle regioni del bene supremo. Gli

    RispondiElimina
  13. esseri estremamente perversi fanno anch'essi parte del mondo spirituale. L'uomo comune, carnale e sensuale, non sarà mai un gran santo. Né un gran peccatore. Noi siamo, la maggior parte, soltanto esseri contradditori e, tutto sommato, trascurabili. Seguiamo la nostra strada di fango quotidiano, senza capire il significato profondo delle cose, ed è per questo che il bene e il male, in noi, sono identici: occasionali, senza importanza.»
    «Intendete parlare dei santi?»

    «Sì. E anche dei peccatori. Noi siamo, la maggior parte, soltanto esseri contradditori e, tutto sommato, trascurabili. Seguiamo la nostra strada di fango quotidiano, senza capire il significato profondo delle cose, ed è per questo che il bene e il male, in noi, sono identici: occasionali, senza importanza.» Oh, certamente, c'è un rapporto tra il Peccato con la P maiuscola e gli atti considerati colpevoli: omicidio, furto, adulterio, ecc. Esattamente lo stesso rapporto che c'è tra l'alfabeto e la più geniale poesia. Tutti pensiamo che un uomo il quale ci abbia fatto del male, a noi, o ai nostri vicini, è un uomo malvagio. E lo è, dal punto di vista sociale. Ma non potete capire che il Male, nella sua essenza, è una cosa solitaria, una passione dell'anima? L'assassino medio, in quanto assassino, non è assolutamente un peccatore nel senso vero della parola. Io lo classificherei piuttosto tra le belve che fra i peccatori.» «Tutto questo mi sembra molto strano.» «Non lo è. Ed è raro. Il numero dei veri peccatori è certamente minore di quello dei santi. Quanto a quelli che voi chiamate criminali, sono esseri imbarazzanti, certamente, e la società fa bene a guardarsene, ma tra le loro azioni antisociali e il Male, c'è un dannato margine, credetemi!» «Sapete che m'interessate immensamente?» disse. «Voi credete dunque che noi non capiamo la vera natura del male?»
    «Lo sopravvalutiamo. Oppure lo sottovalutiamo. «Voler prendere d'assalto il cielo» disse Ambrogio. «Il peccato per me consiste nella volontà di penetrare in modo vietato in una sfera diversa e più alta. Dovete dunque capire perché è così raro. Pochi uomini, in verità, desiderano penetrare in altre sfere, siano alte o basse, in modo consentito o vietato. Ci sono pochi santi. E i peccatori, nel senso in cui li intendo io, sono ancora più rari. «Perché il peccato è profondamente contro natura?»

    «Esattamente. La santità esige un grandissimo sforzo, o quasi, ma è uno sforzo che si esercita per vie che in passato erano naturali. Si tratta di ritrovare l'estasi che l'uomo conobbe prima della caduta. Ma il peccato è un tentativo di ottenere un'estasi e un sapere, che non sono, e non sono mai stati dati all'uomo, e chi tenta questo diviene demone. Il santo si sforza di ritrovare un bene che ha perduto; il peccatore tende i suoi sforzi verso qualche cosa che non ha mai posseduto. Insomma, egli ricomincia la caduta.»

    «Siete cattolico?» domandò Cotgrave.

    «Sì, sono membro della Chiesa anglicana perseguitata.»
    Perché gli stregoni si servono delle debolezze umane, che sono il risultato della vita materiale e sociale, come di strumenti per raggiungere il loro scopo infinitamente esecrabile. E permettetemi di dirvi questo: i nostri sensi sono così smussati, siamo a tal punto saturi di materialismo che certamente non riconosceremmo il Male se ci capitasse di incontrarlo.» Talvolta possiamo riconoscere il male dal suo odio per il bene, è tutto, ed è puramente fortuito. In realtà i gerarchi dell'inferno passano inosservati tra di noi.»
    Un uomo può essere infinitamente, orribilmente malvagio e non sospettarlo mai. Ma, ve lo ripeto, il male nel senso vero del termine, è raro. Credo anzi che divenga sempre più raro.»

    «Cerco di seguirvi» disse Cotgrave. «Voi volete dire che il vero Male è di tutt'altra essenza da quello che abitualmente chiamiamo il male?»

    «Assolutamente. «Mi dispiace, ma per tornare al nostro argomento, pensate che il peccato sia una cosa occulta, segreta?»

    RispondiElimina
  14. «Sì. E' il miracolo infernale, come la santità è il miracolo soprannaturale. Il vero peccato s'innalza a un tal grado non possiamo assolutamente sospettarne l'esistenza. Ricordatevi dell'Apostolo: egli parlava dall'"altro lato" e distingueva tra le azioni caritatevoli e la carità. Come si può dare tutto ai poveri e tuttavia mancare di carità, così si possono evitare tutti i peccati ed essere tuttavia una creatura del male.»
    Suppongo che, secondo voi, il vero peccatore potrebbe benissimo passare per un personaggio inoffensivo.»

    «Certo. Il vero Male non ha nulla a che vedere con la società. Neanche il Bene, del resto. Credete che vi sareste trovato "bene" in compagnia di San Paolo? Credete che vi sareste ben capiti con sir Galahad? Succede coi peccatori come coi santi. No, nessuno può indovinare quanto è terrificante il vero male!... «Ve l'ho detto, il vero male è raro. Il materialismo della nostra epoca che ha fatto molto per sopprimere la santità, ha fatto forse ancora di più per sopprimere il male. Noi troviamo la terra così comoda che non abbiamo desiderio né di salire né di scendere. «Tuttavia sembra che le vostre ricerche si siano estese all'epoca presente.»

    «Vedo che vi interessate realmente. Ebbene, vi confesso che effettivamente ho raccolto alcuni documenti...»

    [...] L'uomo non è terminato. Egli è vicino ad una formidabile mutazione la quale gli darà i poteri che gli antichi attribuivano agli déi. Esistono nel mondo alcuni esemplari dell'uomo nuovo, venuti forse da oltre le frontiere del tempo e dello spazio.
    Sono possibili alleanze con il Signore del Mondo, con il "Re della Paura" che regna su una città nascosta in qualche luogo dell'Oriente. Coloro che faranno un patto cambieranno per millenni la superficie della Terra e daranno un senso alla vicenda umana.’’
    E' noto che il partito nazista si mostrò antintellettuale in modo franco, e anche clamoroso, che bruciò i libri e respinse i fisici teorici fra i nemici "giudeo-marxisti". E' meno noto in base a quali spiegazioni del mondò rifiutò le scienze occidentali ufficiali. E' ancor meno noto su quale concezione dell'uomo si fondava il nazismo, almeno nella mente di alcuni dei suoi capi. Quando si viene a saperlo si colloca meglio l'ultima guerra mondiale nel quadro dei grandi conflitti spirituali; la storia ritrova il respiro de La Légende des Siècles. "Ci scagliano addosso l'anatema, come a nemici dello spirito" diceva Hitler. "Ebbene, sì, lo siamo E' press'a poco quello che dichiarava Gurdjieff al suo discepolo Uspensky dopo aver fatto il processo alla scienza: "La mia via è quella dello sviluppo delle possibilità nascoste dell'uomo. E' una via contro la natura e contro Dio".
    Essere è essere diverso. L'uomo comune, l'uomo allo stato naturale non è che una larva, e il Dio dei cristiani non è che un pastore di larve. Bulwer Lytton: La Razza che ci Soppianterà (o La Razza Ventura). Il romanzo descrive uomini la cui vita psichica è molto più evoluta della nostra. Essi hanno acquistato potere su sé stessi e sulle cose, che li fanno simili a divinità. Per il momento si tengono ancora nascosti. Abitano caverne al centro della Terra. Ne usciranno presto, per regnare su di noi. Ecco tutto quello che sembrava saperne il dottor Willy Ley. Aggiungeva sorridendo che i discepoli credevano di conoscere certi segreti per cambiare razza, per diventare uguali agli uomini nascosti nel fondo della Terra. Metodi di concentrazione, tutta una ginnastica interiore per trasformarsi Questa comunità segreta si era fondata, letteralmente, su un romanzo dello scrittore inglese Bulwer Lytton Quella società berlinese si chiamava "La Loggia Luminosa" o "Società del Vril".

    RispondiElimina
  15. il mondo cambierà. I Signori usciranno da sotto terra. Se non avremo fatto alleanza con essi, se non saremo anche noi signori, saremo fra gli schiavi, nel letame che servirà a far fiorire le nuove città. La "Loggia Luminosa" aveva amici tra i teosofi e nei gruppi Rosa+Croce. Secondo Jack Belding, autore del curioso libro I Sette di Spandau, Karl Haushoffer avrebbe fatto parte di quella Loggia. [...]Bulwer Lytton, geniale erudito indubbiamente non prevedeva che decine di anni più tardi uno dei suoi romanzi ispirasse in Germania un gruppo mistico prenazista. Tuttavia, in opere come La Razza che ci Soppianterà o Zanoni, intendeva mettere l'accento su realtà del mondo spirituale, e specialmente del mondo infernale. Egli si considerava un iniziato. Attraverso la trasfigurazione romanzesca esprimeva la certezza che esistono esseri dotati di poteri sovrumani. Questi esseri ci soppianteranno e condurranno gli eletti della razza umana ad una formidabile mutazione.

    Bisogna fare attenzione a questa idea di una mutazione della razza. La ritroveremo in Hitler[2] e non è ancor oggi scomparsa. bisogna fare attenzione anche all'idea dei "Superiori Sconosciuti". La si trova in tutte le mistiche nere d'Oriente e d'Occidente. Abitanti del sottosuolo o venuti da altri pianeti, giganti simili a quelli che dormirebbero sotto una corazza d'oro in cripte tibetane, oppure presenze informi e terrificanti quali le descriveva Lovecraft, questi "Superiori Sconosciuti" di cui si parla nei riti pagani e luciferiani, esistono? Quando Machen parla del mondo del Male, "pieno di caverne e di abitanti crepuscolari", da discepolo della Golden Dawn si riferisce all'altro mondo, quello in cui l'uomo prende contatto con i "Superiori Sconosciuti" Non siamo così folli da pretendere di spiegare la storia con le società iniziatiche. Ma vedremo che tutto si collega, curiosamente, e che col nazismo è l'"altro mondo" che ha regnato su noi per alcuni anni. E' stato vinto, ma non è morto né oltre il Reno né altrove. E questo non è terribile; terribile è la nostra ignoranza. Ecco un passo del manifesto ai "Membri del secondo ordine" che Mathers scrisse nel 1896: "Sui capi Segreti, a cui mi riferisco e dai quali ho ricevuto la saggezza del Secondo Ordine che vi ho comunicato, non posso dirvi niente. Io ignoro anche i loro nomi terreni e non li ho mai visti che molto raramente nel loro corpo fisico... Essi mi incontrarono fisicamente in tempi e luoghi fissati precedentemente. Per conto mio, credo che siano esseri umani viventi su questa terra, ma che possiedono poteri terribili e sovrumani... I miei rapporti fisici con essi mi hanno dimostrato quanto sia difficile ad un mortale, per quanto progredito, sostenere la loro presenza. Non voglio dire che in quei rari casi di incontro con essi l'effetto prodotto su di me fosse quello della intensa depressione fisica che segue alla perdita del magnetismo. Al contrario, mi sentivo a contatto con una forza così terribile che non posso paragonarla se non all'effetto sentito da chi sia stato vicino ad un fulmine durante un violento temporale, accompagnata da una grande difficoltà di respiro... La prostrazione nervosa di cui ho parlato si accompagnava a sudori freddi e perdite di sangue dal naso, dalla bocca e talvolta dalle orecchie."

    RispondiElimina
  16. Hitler un giorno intratteneva Rauschning, capo del governo di Danzica, sul problema della mutazione della razza umana. Rauschning, che non possedeva le chiavi di una così strana preoccupazione, traduceva i propositi di Hitler in propositi di allevatore che cerca di migliorare il sangue tedesco. «L'uomo nuovo vive in mezzo a noi! E' qui!" esclamò Hitler con tono trionfante. "Vi basta? Vi dirò in segreto. Ho visto l'uomo nuovo. E' intrepido e crudele. Ho avuto paura davanti a lui.»
    "Pronunciando queste parole" aggiunge Rauschning "Hitler tremava di ardore estatico".

    E Rauschning riferisce anche la seguente strana scena, su cui invano si pone domande il dottor Achille Delmas, specialista di psicologia applicata. La psicologia, infatti, non si applica in questo caso:

    "Una persona del suo seguito mi ha detto che Hitler si sveglia la notte mandando grida convulse. Invoca aiuto, seduto sulla sponda del letto, ed è come paralizzato. E' preso da un panico che lo fa tremare al punto da scuotere il letto. Grida cose confuse e incomprensibili. Ansima come se fosse sul punto di soffocare'E' lui! E' lui! E' venuto qui!' gemeva. Le sue labbra erano livide. Il sudore gli grondava a grosse gocce. Improvvisamente, pronunciò cifre senza alcun senso, parole, frammenti di frasi. Era terribile. Adoperava termini bizzarramente raggruppati, del tutto strani. Poi era divenuto di nuovo silenzioso, ma continuava a muovere le labbra. Gli fu fatta allora una frizione e data una bevanda. Poi, improvvisamente, aveva ruggito: 'Lì! Lì! Nell'angolo! E' lì!'... Batteva il piede sul pavimento e urlava. Lo si era tranquillizzato dicendogli che non accadeva nulla di straordinario, e a poco a poco si era calmato. In seguito aveva dormito molte ore ed era ridiventato quasi normale e sopportabile..."[3] Lo storico è razionale, ma la storia non lo è. Le stesse credenze animano i due uomini, le loro esperienze fondamentali sono identiche, li guida la stessa forza. Appartengono alla stessa corrente di pensiero, alla stessa religione. Questa religione non è mai stata veramente studiata. Né la Chiesa, né il razionalismo, altra chiesa, lo hanno permesso. Noi entriamo in un'epoca della conoscenza in cui tali studi diventeranno possibili perché la realtà che rivela il suo volto fantastico, idee e tecniche che ci sembrano aberranti, spregevoli o odiose, ci appariranno utili alla comprensione di un reale sempre meno tranquillizzante. Noi non proponiamo al lettore di studiare una filiazione Rosa+Croce-Bulwer Lytton-Mathers-Crowley-Hitler, o tutta un'altra filiazione dello stesso genere in cui si incontrerebbero anche la signora Blavatsky e Gurdjiev. Il gioco delle filiazioni è come quello degli influssi letterari. Finito il gioco, resta il problema. Quello del genio in letteratura. Quello del potere nella storia. La Golden Dawn non basta a spiegare il gruppo Thule, o la Loggia Luminosa, o l'Ahnenerbe. Naturalmente, ci sono molte interferenze, passaggi clandestini o palesi da un gruppo all'altro. Non mancheremo di segnalarli. E' una cosa appassionante, come tutta la storia minuta.

    RispondiElimina
  17. Ma il nostro scopo è la grande storia. Noi pensiamo che queste società, grandi o piccole, ramificate o no, sono le manifestazioni più o meno chiare, più o meno importanti di un mondo diverso da quello in cui viviamo. Diciamo che è il mondo del Male nel senso in cui lo intendeva Machen Ma non abbiamo una maggior conoscenza del mondo del Bene. Viviamo tra due mondi, prendendo questo no man's land per il pianeta stesso, tutt'intero. Il nazismo è stato uno di quei rari momenti, nella storia della nostra civiltà, in cui si è aperta una porta su un'altra cosa, in modo clamoroso e visibile. E' molto singolare che gli uomini fingano di non aver visto e sentito niente, tranne gli spettacoli e i rumori ordinari del disordine bellico e politico.
    Tutti questi movimenti: Rosa+Croce moderna, Golden Dawn, Società tedesca del Vril (che noi ricondurremo al gruppo Thule in cui troveremo Haushoffer, Hess, Hitler) erano più o meno collegati con la Società Teosofica, potente e ben organizzata. O piuttosto, essa apriva le vie dell'Occidente ad un certo Oriente luciferiano. E' proprio col nome di teosofismo che si è finito con l'indicare il vasto movimento di rinascita del magico che ha sconvolto molte intelligenze all'inizio del secolo.

    Nel suo studio Le Thèosophisme, historie d'une pseudo-religion, pubblicato nel 1921, il filosofo René Gueneon si rivela profeta. Dietro la teosofia e i gruppi iniziatici neo-pagani più o meno in rapporto con la setta della signora Blavatsky, egli vede ingrandirsi i pericoli.

    Egli scrive:

    "I falsi messia che fino ad ora abbiamo visto non hanno fatto che prodigi di una qualità infima, e i loro seguaci non erano probabilmente molto difficili da sedurre. Ma chi sa che cosa ci riserva il futuro? Se si riflette che quei falsi messia non sono mai stati che gli strumenti più o meno inconsapevoli nelle mani di coloro che li hanno suscitati, e se ci si riferisce in particolare alla serie di tentativi fatti successivamente dai teosofi, si è indotti a pensare che quelli sono solo tentativi, esperiesperimenti in un certo senso, che si rinnoveranno sotto forme diverse fino a quando non si sia ottenuto il risultato, e che, in attesa di esso, hanno sempre come risultato di gettare turbamento negli animi. Noi non crediamo, del resto, che i teosofi, come gli occultisti e gli spiritisti, abbiano la forza per riuscire pienamente, da soli, in una tale impresa. Ma, dietro tutti questi movimenti, non ci sarà qualche cosa ben altrimenti temibile, che forse i loro capi non conoscono e ci cui a loro volta non sono che semplici strumenti?"

    E' anche l'epoca in cui uno straordinario personaggio, Rudolph Steiner, dà impulso in Svizzera ad una società di ricerche fondata sull'idea che l'intero universo è contenuto nello spirito umano il quale è capace di una attività notevolmente superiore a ciò che ci dice la psicologia ufficiale. In realtà, certe scoperte steineriane, in biologia (i concimi che non distruggono il suolo), in medicina (impiego dei metalli che modificano il metabolismo) e soprattutto in pedagogia (numerose scuole steineriane funzionano oggi in Europa) hanno notevolmente arricchita l'umanità. Rudolph Steiner pensava che c'è una forma nera e una forma bianca della ricerca magica. Pensava che il teosofismo e le diverse società neo-pagane provenivano dal gran mondo sotterraneo del Male e annunziavano un'epoca demoniaca. Egli si affrettava a fondare, in seno al proprio insegnamento, una dottrina morale che impegnava gli "iniziati" a non usare che forze benefiche. Voleva creare una società di uomini che si propongono il bene.

    RispondiElimina
  18. Noi non ci poniamo la domanda se Steiner aveva torto o ragione, se possedeva o no la verità. ciò che ci colpisce è il fatto che i primi gruppi nazisti sembrano aver considerato Steiner come il nemico numero uno

    Gli uomini d'azione fin dall'inizio disperdono con violenza le riunioni di steineriani, minacciano di morte i discepoli, li obbligano a fuggire dalla Germania e, nel 1924, a Dornach, in Svizzera, appiccano il fuoco al centro costruito da Steiner. Gli archivi bruciano, Steiner non può più lavorare, e muore di dolore un anno dopo. [2] Il fine di Hitler non è né l'istituzione della razza dei dominatori, né la conquista del mondo; questi non sono che mezzi per attuare la grande opera sognata da Hitler; il vero fine è di fare opera di creazione, opera divina, il fine della mutazione biologica; il risultato sarà un'ascesa dell'umanità, non ancora raggiunta, "l'apparizione di un'umanità di eroi, di semidéi, di uomini-dio". Dr. Achille Delmas.
    http://stopilluminati.weebly.com/golden-dawn.html

    Aleister Crowley fu anche la guida mondiale dell' Ordo Templi Orientis, un altro ordine templare fondato in Germania che tanta influenza ebbe nella mistica nazista Egli ebbe il seguente messaggio veicolato dal Dio Horus tramite la moglie Rose durante il suo soggiorno in Egitto:
    "Non vogliamo avere niente a che fare con i deboli e gli emerginati,
    che muoiano nella loro miseria, poiché essi non sono in grado di
    provare sensazioni. La pietà è il vizio dei re; calpesta i miserabili e i deboli; questa è la legge del più forte; questa è la
    nostra legge e la gioia del mondo... "Crowley
    era consapevole della possibilità di aprire i cancelli spaziali e di immettere
    una corrente extraterrestre nell’onda vitale umana (...) Questo ricorda
    gli oscuri accenni di Charles Fort riguardo alla presenza sulla Terra di una
    società segreta già in contatto con esseri cosmici che, forse, sta già
    preparando la via per il loro avvento" (Kenneth Grant, "Aleister Crowley e il Dio Occulto", Ed. Astrolabio Ubaldini). http://www.isoladiavalon.eu/terra_cava/index2.php?option=com_content&do_pdf=1&id=124

    Mark

    RispondiElimina